Hotel Touring

Banner

Ferrara24ore.it

Banner

GRUPPO SEFIM

Banner
CAMPIONI D'TALIA-TENZONE AUREA 2014
Martedì 09 Settembre 2014 12:52

L'AQUILA BIANCA ARTIGLIA DUE TITOLI NAZIONALI NELLA COPPIA E NELLA PICCOLA SQUADRA

Non staremo qui a parlare di punteggi o di quant'altro, ma vorrei parlare di un gruppo strepitoso di Sbandieratori e Musici che hanno fatto emozionare i tanti supporter al seguito della compagine gialloblu.

I risultati sono la conseguenza di tante cose in una attività come questa. Per ottenere il meglio bisogna allenarsi tanto ed avere anche un briciolino di fortuna, ed anche quando questa viene a mancare l'importante è di essere consapevoli di aver fatto tutto ciò che era possibile fare per conseguire il risultato.

Si vince e si perde, una gara due gare, ok ma prima o poi la vittoria arriva e quando questa si presenta bisogna saperla afferrare e viverla tutta fino in fondo incamerando emozioni e gioie che ti rimarranno sempre nel cuore (gialloblu) e non spariranno mai dalla tua memoria.

Questo è quello che è successo a Lecce alla XXXIV Tenzone Aurea.

Eravamo competitivi su tutti i fronti, e lo sapevamo, ma tantè che ogni tanto il diavoletto ci mette lo zampino, e cosi alla mattina del sabato alle eliminatorie ci siamo ritrovati fuori dal podio con Andrea Baraldi.

Chi l'avrebbe mai detto, ma cosi è stato.

Molta tristezza e sconforto nelle facce di tutti. Ma il gruppo non si è abbattuto, c'era la grande da fare e così tutti pronti e via a fare l'esercizio più bello e rappresentativo per la Nostra Contrada.

Ma anche qui sempre il diavoletto ci ha messo il suo zampino.

E cosi ancora più sconfortati di prima si chiudeva la prima giornata di gare.

Il giorno dopo, ed e' qui dove si vede la differenza di un grande gruppo, carichi come dei missili si va a gareggiare con la coppia e la piccola, sperando che il diavoletto stavolta si dimentichi di Noi e non ci metta lo zampino.  E così fù.

Si inizia a gareggiare e quando scocca l'ora della coppia, il duo Baraldi e Malagoli sfoderano un esercizio spettacolare proiettandoli in cima alla classifica con un punteggio  quasi da perfezione.

Ma non è finita, perchè poco dopo il sestetto della piccola squadra entra in azione decisi a tutti i costi a vender cara la pelle nei confronti degli avversari.

Un'esercizio eseguito con precisione eleganza e difficoltà quanto basta, per cercare di arrivare in cima, ma purtroppo qualcuno è migliore di noi, e ci ritroviamo al terzo posto della classifica con un distacco di soli 0,37 da Citta Murata (dei veri campioni di bandiera) e dietro di noi distaccati a 0,82 di svantaggio il gruppo ASD Oria, che anche loro in fatto di bandiere non scherzano ma avendo sbagliato qualcosina di troppo si sono ritrovati quinti.

La finale si preannuncia decisamente molto combattuta, non tanto per la coppia (vi ricordo però sempre il diavoletto) ma la gara più combattuta sarà la Piccola Squadra. E così è stato.

Lo spettacolo che Andrea e Giacomo hanno offerto in quel di Lecce alle finali è stato insuperabile, sia come tecnica, fluidità di esercizio, difficoltà, in una parola sola: SPAZIALE. Quindi obbiettivo raggiunto.

CAMPIONI D'ITALIA per la sesta volta nella categoria Coppia.

Nelle finali delle piccole per cercare di ottenere il massimo e recuperare quello che manca per raggiungere il titolo italiano sarà una gara tecnico tattica da far invidia al generale Rommell.

Il sorteggio favorisce e ci colloca al penultimo posto in ordine di entrata, tutte le più forti piccole accreditate al titolo gareggieranno prima di Noi, solo ASD di Oria è dietro, ed è quella che assieme a Città Murata può darci filo da torcere. Ed i ragazzi lo sanno.

Baraldi esegue dei brevi breafing al termine di ogni esebizione per stabilire con gli altri quale tecnica adottare per cercare di raggiungere l'obiettivo. L'elasticità degli componenti è messa a dura prova in quanto l'esercizio viene modificato in base agli errori degli altri, cercando comunque di essere competitivi rischiando il giusto.

Sapevamo di avere un discreto bottino di punti da gestire, ma a questi livelli se l'emozione prende il soppravento è fatta e tu ti ritrovi ad aver perso un Titolo Nazionale a portata di mano.

Lo zampino del diavoletto stavolta è indirizzato verso gli altri gruppi, e c'e la vediamo praticamente solo con ASD di Oria in una gara avvincente a suon di coreografici, parziali, contemporanei, artistici ecc, ma l'esecuzione dei Nostri sei sbandieratori (Andrea, Fabio, Protta, Dade, Seba, e Giacomo) ha fatto la differenza in quanto meno sporca dei Nostri avversari.  

Risultato quindi che  Nostri sei ragazzi si sono ritrovati in cima alla classifica indossando per la terza volta in cinque anni il Tricolore.

Il dopo ve lo lascio immaginare. Gioia, pianti canti cori, selfie, di tutto e di più.

La morale di questo piccolo resoconto è che bisogna essere umili sempre, essere uniti come gruppo, avere la voglia di divertirsi e credere sempre e fino in fondo anche con sacrifici in quello che si fà, solo cosi i successi che vorremo ottenere si avvereranno, sperando sempre che il diavoletto si dimentichi di Noi un po' piu spesso.

Un ringraziamento doveroso e particolare lo vorrei fare alle mamme, alle ragazze, ai ragazzi e alle babbione che hanno sostenuto curato e rincuorato tutto il gruppo Musici e Sbandieratori durante la trasferta di Lecce 2014 Tenzone Aurea.

GRAZIE DI CUORE